Il giusto partner, quanto conta scegliere bene ?

Il partner per Album di matrimonio

Io mi occupo di tutte le fasi necessarie alla realizzazione di un servizio fotografico, difficilmente, anzi, quasi mai, delego ad altri il mio lavoro.

Mi occupo di gestire i contatti con le coppie, di immaginare o scrivere lo storytelling di ogni matrimonio; di scattare le fotografie il giorno tanto atteso dagli sposi. Sviluppo una ad una le foto scelte, fino all’impaginazione dell’album.

In questo articolo provo a spiegarvi quanto un partner può contribuire a determinare la soddisfazione del mio cliente.

Il mio stile, in 21 anni di professione, è in continuo aggiornamento ed è cosi espresso in ogni fase. Ognuna delle fasi ha bisogno della conoscenza di differenti e molteplici aspetti teorici e tecnici; ma di notevole e fondamentale importanza sono quelli legati all’estetica e al gusto.

Per formare il mio gusto, il primo esercizio che svolgo quotidianamente è cercare di osservare con gli occhi dei miei clienti o potenziali tali; documentandomi sulla moda del momento e sul colore dell’anno  e sforzandomi di comprendere di cosa sono alla ricerca le coppie.

Tutti questi sforzi, però, sarebbero vani se l’ultima fase della realizzazione dell’’album, cioè la stampa, venisse affidata ad un partner qualsiasi. 

In genere, molti, nello scegliere il partner a cui affidare la stampa, danno maggior importanza al prezzo.

Io in tutta sincerità non avrei mai scelto questa professione se avessi dovuto scegliere i miei partner basandomi su questa variabile. La fotografia è un’insieme di emozioni ed estetica e per sensibilizzarli entrambi c’è bisogno di un prodotto fatto di tanti dettagli, cura, perfezione, e personalizzazione. Ho dovuto scegliere un partner affidabile e di elevata qualità che fosse per il mio lavoro un valore aggiunto tangibile. L’azienda con cui collaboro è, secondo me, unica in Italia, si chiama Epoca.

Perchè ho scelto come partner Epoca e non altri? Innanzitutto per la perfezione della stampa: dopo aver visitato di persona i laboratori; mi sono reso conto del loro notevole livello tecnologico e della maniacale attenzione al prodotto. L’altro motivo è legato alla possibilità di personalizzare, secondo dei gusti sempre in linea con i tempi. Ogni prodotto, dai materiali, di tendenza o classici, ai colori perfettamente abbinati, al packaging elegante, finissimo ed equilibrato.

Da qualche anno questa azienda ha davvero voluto essere e fare la differenza. Ha creato un’accademia di professionisti “AE ACCADEMY” della quale faccio parte e nella quale si svolgono innumerevoli seminari; incontri, tutti volti al perfezionamento della figura del fotografo.

Ci tenevo a scriverlo in un articolo perchè mi piacerebbe far capire ai miei attuali e futuri clienti come ogni scelta nella mia professione sia valutata attentamente, al fine di ridurre al minimo ogni possibilità di insoddisfazione.

Se volete immergervi nel mondo Epoca, toccare i prodotti, provare a personalizzare il Vostro, contattami e insieme troveremo la soluzione migliore. Riserverò a voi tutto il tempo necessario affinchè possiate capirne l’elevato valore. Vi aspetto.

www.dandreavito.it

info@dandreavito.it

https://www.facebook.com/vitodandreafotografia

Bianco e nero o colore

bianco e nero

Scrivo questo articolo perché sempre più spesso, in un servizio fotografico di matrimonio, mi viene chiesto di trasformare una foto da colore a bianco e nero. Ho provato molte volte a spiegare che, non è solo perché avendo a disposizione la tecnologia, bisogna abusarne.

Prima di scattare una foto c’è un ragionamento da fare. Un bravo fotografo, con tanta esperienza, accorcia i tempi di questo ragionamento, proprio perché ha tanta esperienza, ma non si esime dal farlo. Oggi la foto a colori è la realtà, la quotidianità.

Proprio per questo motivo, in molte situazioni in cui vedo la necessità di uno stile diverso, che non rispecchi troppo la realtà, penso e scatto la fotografia sapendo di usarla in bianco e nero. Il bianco e nero risulta, più evocativo proprio perché sottrae il colore che è il primo dato visivo.

È come la precisione per un pittore impressionista che si dovesse trovare a dipingere il mare. Non troverete un mare fatto di pennellate precise, ma una realtà molto piu ricca di atmosfera.

La foto si pensa in bianco e nero, quindi la si scatta e la si sviluppa in tal senso. Le forme devono emergere maggiormente, e questo avviene grazie ai passaggi chiaroscurali attraverso toni di grigio. La tridimensionalità è molto più evidente, e si notano i volumi molto più netti.

Nella foto precedente si può notare come le ombre, grigie o nere, assumono la stessa importanza dei soggetti che le producono e diventano parte fondamentale della composizione molto più che nella foto a colori.

BIANCO E NERO

Le silhouette si stagliano in modo netto e assumono una forte espressività.

fotografia di matrimonio in bianco e nero

composizioni essenziali e minimaliste risultano comunque piene e complete.

Oggi, si può scattare a colori e convertire in b/n in un secondo momento. Occorre, però, sviluppare il file in post-produzione. Lavorando con programmi di post-produzione fotografica (Photoshop ad esempio) è fondamentale bilanciare le tonalità e migliorare il contrasto.

Educare lo sguardo è lo scopo fondamentale, e fotografare può diventare un modo per farlo!

Il mio desiderio più grande e spiegartelo di persona, scrivimi proverò a chiarirti tutti i dubbi.

la Location per le fotografie

la location per le fotografie

Nel giorno del matrimonio bisogna anche individuare
la location per le fotografie.
Appena conclusa la cerimonia, ricevuti gli auguri
dagli invitati, bisogna solo avviarsi verso il ristorante dove, tra cibi prelibati e bella musica,
si trascorrerà l’intera giornata in festa.
Lungo il tragitto, il fotografo attento, non si lascia sfuggire paesaggi e location, per scatti fotografici originali.
Questo momento lo dedico a scatti totalmente estemporanei
dove la coppia è libera di contemplare il momento appena vissuto:
l’ufficializzazione del matrimonio.
Ed è proprio lasciandoli liberi di parlarsi per raccontare le emozioni appena vissute che si riesce a fotografarli in situazioni molto espressive.

La location per le fotografie non deve necessariamente avere tanti colori o dettagli che andrebbero ad oscurare le emozioni degli sposi. Prediligo colori uniformi, quanto più neutrali possibili.
Ecco un esempio di come nulla è lasciato al caso: se il matrimonio dovesse svolgersi presso l’hotel Pierfaone, lungo il tragitto ho scorto una cava abbandonata. Si tratta di uno spazio enorme tendente al bianco, dove gli sposi hanno tutto lo spazio per passeggiare, correre, abbracciarsi, ecc. inoltre il bianco della roccia diventa per noi fotografi un pannello riflettente naturale, aiutandoci, visto il sole alto delle 13.00, a riflettere parte della luce schiarendo le ombre.

Un’ altra location per le fotografie dalle tinte neutre ma dalla geometria articolata è il ponte Musmeci:
Riparati dal sole ma all’interno di una composizione unica, la coppia è libera di muoversi
e noi fotografi possiamo fotografarli in varie situazioni.

Come potete notare è fondamentale che ogni scelta abbia una motivazione valida in modo che tutto sia già nel portfolio del fotografo in modo da ripercorrere tutte le fasi del matrimonio ma senza intaccare la precisione e la puntualità della festa. Solo in questo modo tutto scorrerà alla perfezione e avrete la perfetta riuscita della giornata come l’avevate programmata.
Se conosci già la data del tuo matrimonio e la location e vuoi un’idea di come mi organizzerei, non esitare a scrivermi, insieme scriveremo lo storytelling del tuo matrimonio.

Come scrivere la partecipazione?

Questo articolo viene fuori da un’esperienza vissuta pochi giorni fa. Degli amici mi hanno chiesto di scrivere la partecipazione di nozze, di realizzarne la grafica.

Al momento di scrivere i nomi, ci siamo chiesti: è più giusto scrivere prima la sposa o lo sposo? E allora mi sono documentato, ed è venuto fuori un bel argomento che sicuramente vi piacerà e vi sarà utile.

La partecipazione di nozze è il biglietto da visita di un matrimonio. Spesso è sottovalutata.

Si pensa che chi riceve l’invito non lo legga con particolare attenzione o che, addirittura, lo cestini, trascrivendo la data del matrimonio sul cellulare.
Non è sempre vero, una persona attenta, dal tipo di partecipazione ricevuta, trae diverse considerazioni sul tono del matrimonio, anche su quanto dovrà destinare al regalo degli sposi.

Faccio un’ esempio una partecipazione in carta a mano di Amalfi, possibilmente con iniziali degli sposi incise a secco o in rilievo in oro, prelude a un matrimonio elegante, tradizionale e formale.

Una partecipazione, invece, colorata, magari con disegni spiritosi, annuncia un matrimonio giovanile e informale.

Ci sono varie formule per annunciare il matrimonio. La più tradizionale prevede che ad annunciare il matrimonio siano i genitori degli sposi. In questo caso il nome della sposa va a sinistra e quello dello sposo a destra, poiché è il papà della sposa che concede la propria figlia. Allo stesso tempo sui bigliettini di ringraziamento o della bomboniera deve essere al contrario. I nomi si invertono, perché lo sposo è oramai a capo della famiglia. Questo è quanto stabilito dalle buone norme del galateo, nel caso in cui dovesse prevalere il femminismo è fondamentale trascurare quest’ultima formula :-).

Al giorno d’oggi, però, questa formula è in disuso. Gli sposi preferiscono, infatti, annunciare il loro matrimonio da sé. Tuttavia alcuni giovani, legati alle tradizioni e che desiderano un matrimonio elegante, continuano a preferire l’annuncio dei genitori, che è, comunque, da sconsigliare sia nel caso in cui quest’ultimi siano risposati o vedovi, sia nel caso in cui i figli non vivano più con loro.
Secondo il galateo nuziale, è buona norma invitare lo stesso numero di persone in chiesa e al locale.
D’obbligo la gentile richiesta di conferma.
Le partecipazioni vanno spedite circa tre mesi prima la data del matrimonio. Possono anche essere consegnate a mano dagli sposi o dai genitori di quest’ultimi.

I nomi sulle buste non vanno battuti a macchina o stampati. Vanno sempre trascritti a mano, in bella grafia. Assolutamente da evitare tutti i titoli (Dott., Ing., Prof. ecc…) davanti al nome degli invitati, a meno che non si tratti di appartenenti all’Arma o al Clero.

Tutti i nomi degli invitati devono essere preceduti dalla formula Gent.mo, Gent.ma o Gent.mi.
Nel caso di una famiglia, si indichi semplicemente: “Famiglia Rossi”. Se i figli non vivono più con i genitori, si preveda una partecipazione apposita.

Nel caso di una coppia sposata senza figli, si scriva: “Mario Rossi e Signora” oppure, meglio, “Mario e Maria Rossi”.

Cosa molto importante è, in data successiva al matrimonio, inviare dei biglietti di ringraziamento ai parenti e agli amici che abbiano fatto un regalo agli sposi senza partecipare alla festa. Questa pratica è purtroppo, caduta in disuso. Il biglietto va scritto a mano e personalizzato. Mai frasi generiche del tipo: “Anna e Paolo ringraziano per il regalo”. Va assolutamente specificato il regalo che si è ricevuto e il gradimento, accompagnando il tutto con una frase carina creata ad hoc per l’invitato che la riceve. Se il regalo è in denaro, è consigliabile accennare all’utilizzo che se n’è fatto.

Svolgo questa professione da 22 anni, ho sempre voglia di imparare e trasmettere ai miei clienti la mia conoscenza. Se vuoi progettare il tuo servizio fotografico matrimoniale, non esitare a contattarmi, sarò felice di dedicarmi a te. Insieme risolveremo i tuoi problemi, ma soprattutto sono sicuro che ti sentirai più tranquillità e serena. Non sottovalutare gli aggettivi appena indicati perché sono indispensabili alla tua fotogenia, ti lascio il link dell’articolo in cui ne parlo, https://www.dandreavito.it/io-non-vengo-bene-in-foto-la-fotogenia/

visita anche la mia pagina facebbok https://www.facebook.com/vitodandreafotografia

Il matrimonio; un sogno già a 2 anni.

Barbie matrimonio

Se legge questo articolo una donna, di sicuro condividerà meglio la prima parte, se è un uomo, la condivisione maturerà nelle prossime righe. Il matrimonio in una ragazza, è un pensiero, forse indotto, ma presente già dai primi anni, basta pensare a quante volte una bambina giocando con le bambole, ne progetta il matrimonio.

Non a caso la Mattel, ha pensato bene nel 1959 di creare sia Barbie che suo marito Ken. E’ proprio la storia di Barbie che ci fà capire come il pensiero di una bambina si proietti già al futuro. Nel 1959 Ruth Handler, guardava sua figlia Barbara giocare con bambole di carta, si rese conto che spesso le piaceva dare alle bambole ruoli da adulti. All’epoca la maggior parte delle bambole rappresentava neonati. Rendendosi conto che poteva trattarsi di una ottima scelta di mercato, Ruth suggerì l’idea di una linea di bambole dall’aspetto adulto a suo marito Elliot, cofondatore della casa di giocattoli Mattel.
Fateci caso: una bambina già a due anni gioca con le bambole, e sin da subito individua quella che diventerà la moglie, poi la mamma. Crescendo, all’età di 4 o 5 anni il matrimonio della barbie diventa l’obbiettivo fondamentale, il progetto del quale richiede tutta la fantasia della bambina. Progetterà l’abito, con tutti i dettagli, ideerà la cerimonia, e poi il pranzo. Una bambina nata nell’era del cellulare non tralascia nemmeno il servizio fotografico del matrimonio, come è giusto che sia. in sostanza possiamo dire con certezza che già nell’infanzia si inizia a sognare il giorno del proprio matrimonio e, dopo averlo sognato, sposarsi, è un po’ come trasformarsi quel giorno in una principessa che corona il sogno d’amore con il suo principe.. Nell’uomo questa fase avviene un pò più da adulto, quando i primi pensieri associabili al matrimonio sono la ricerca di un lavoro stabile e l’idea di avere una casa in cui consolidare l’unione con un’altra persona.
Sono un fotografo professionista, specializzato in fotografia di matrimonio, svolgo da 22 anni con amore e tanta passione questa professione e, quello che ho raccontato sopra, sono anche mie esperienze di vita, essendo padre di due bambine. Voglio riflettere con voi su alcuni fattori che rendono bello, importante, e direi fondamentale il matrimonio. Partirei col dire che la vita in due è più bella. Condividere gioie e dolori, emozioni e difficoltà, in due è più facile. Formare una squadra per affrontare la vita. A questo punto, vista l’importanza del matrimonio, quanto è importante il ricordo del giorno in cui lo andrete ad ufficializzare? il servizio fotografico del matrimonio, non mi stancherò mai di ripeterlo, è fondamentale che sia un’opera unica, fatta con minuziosa cura di ogni singolo dettaglio. Rivolgetevi ad un professionista che con (devozione) svolga la propria (missione).

se vuoi parlarne contattami, sarò felice di aiutarti ad organizzare il Tuo servizio fotografico. https://www.dandreavito.it/contatto/

Una videochiamata da casa ma soddisfatta.

videochaimata per preventivo

Ho ricevuto una mail, una videochiamata

la richiesta che a prima impressione mi è risultata strana, insolita, una videochiamata, abituato ad avere un approccio mentale sempre costruttivo, dalla stessa ho colto l’opportunità per immaginare una nuova possibilità per affrontare questi tempi di cambiamento.

In sostanza Antonella, questa gentilissima sposa mi scrive,

“ciao Vito mi chiamo Antonella e mi sposo il 14 maggio 2021 sono molto attratta dalle tue fotografie e dal modo di come sviluppi l’approccio con gli sposi e porti avanti tutto il servizio fotografico di matrimonio. Volevo avere maggiori informazioni e magari la possibilità di parlarne”.

Qui arriva l’idea che fino ad oggi non avevo ancora mai valutato.

Infatti mi sono sempre limitato a dare la mia disponibilità telefonica, oltre che ad un appuntamento nel mio studio, lei invece mi apre la mente e continua “visto il periodo COVID-19 e siccome avverto la necessità di conoscerti anche fisicamente, che ne dici di parlarne in una videochiamata in modo che puoi illustrarmi al meglio i tuoi prodotti” poi ringrazia ecc.

Vi dico la verità: sono rimasto a pensare pochi secondi, non abituato com’ero ad una richiesta del genere, ma immediatamente dopo ho accettato di buon grado l’idea della videochiamata.

Cosi ho valutato la possibilità più stabile per intraprendere una webinar che da oggi diventa una possibilità per tutte le coppie. Tramite un’ app molto usata quale whatsap e diffusa saremo in contatto video e lì, come ho sempre fatto in studio,

Vi dedicherò tutto il tempo necessario a chiarire i vostri dubbi.

Parleremo dei tempi che necessitano ad un servizio fotografico estemporaneo, descrittivo, che racconti quel giorno, mettendo a disposizione la mia esperienza ventennale nella cerimonia. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate a riguardo. Come sempre le Vostre impressioni sono la mia ricchezza, mi aiutano a crescere e migliorare, quindi mi piacerebbe davvero parlarne con voi. Vi lascio tutti i miei contatti che da oggi sono anche video :-).

il mio sito per tutte le info

se vuoi videochiamarmi puoi a questo numero 392-4181874 oppure scrivimi qui e lo farò io

Il covid-19 Non ci cambierà, ci ha solo dato piu tempo…

Carissime e carissimi miei Clienti, stiamo vivendo un momento inaspettato e molto duro, IL COVID-19 ci ha portati ad allontanarci da tutto ciò che di consueto c’era nelle nostre vite.
Non è facile, ma insieme riusciremo a farcela e a ripartire.

Il matrimonio nelle regioni del sud è particolare, e per molti aspetti, a mio avviso, diverso dal matrimonio celebrato nel resto d’Italia.

Noi lo organizziamo almeno 1 anno prima, sogniamo quel giorno per chissà quante notti, ogni scelta è fatta con meticolosità e con una maniacalità nei dettagli unica, ogni fornitore deve passare diversi screening (simpatia, bravura, precisione, gusto) e, anche per questo motivo, mi sento fortunato di lavorare qui al sud e mi sento di dirvi che non vi lascerò soli, né in questo momento né in seguito.

Quando sarà il momento di riprendere e riaprire le attività saremo pronti e uniti.
Comprendo quante possano essere le difficoltà e gli sforzi che in questo momento siete chiamati ad affrontare, tra i quali quello di trovare un’altra data utile, in un mese in cui non faccia troppo freddo, senza scontrarvi con altre date altrettanto importanti per voi e per la vostra famiglia.

Io nel frattempo non sono rimasto fermo; mi sono impegnato, prima di tutto, nel far sentire la mia vicinanza ai miei collaboratori, condividendo e stimolando riflessioni e idee attraverso percorsi di social network e attività di formazione.

Mi sto prodigando, inoltre, nella scelta della nuova collezione, facendo tesoro dell’essere italiano e della creatività che ci rappresenta e sto lavorando ad un importante progetto di restyling.

Ho infine prestato grande attenzione alle misure da intraprendere affinché alla riapertura degli studi possa essere in grado di accogliervi garantendo la migliore esperienza in totale sicurezza.

Lo studio è la mia seconda casa. Alla vostra sicurezza e quella dei miei collaboratori darò la massima priorità.

Il covid-19 non ci deve spaventare, godetevi più che potete la Vostra famiglia e perdetevi in tante belle riflessioni…nel frattempo i miei canali restano a Vostra disposizione.

www.dandreavito.it

https://www.facebook.com/vitodandreafotografia/

2 idee per il Vostro Prematrimoniale.

prematrimoniale

Il servizio fotografico prematrimoniale è stato importato direttamente dall’America. 

Il prematrimoniale ha avuto il suo boom negli anni scorsi, ma ancora oggi diverse coppie di futuri sposi scelgono di realizzarlo.

La prima domanda a cui la coppia ha difficoltà a trovare risposta è: dove facciamo il nostro servizio fotografico prematrimoniale?

Il mio primo consiglio è quello di contestualizzarlo con tutto il resto. 

Con il tema del matrimonio e con il colore scelto, quindi (verde-montagna blu-mare bianco-neve) ecc.

Un’altra scelta potrebbe essere fatta in base a dove i vostri cuori si sono incontrati, dove hanno vissuto più tempo insieme ( studiato, lavorato, vacanza), questi sono tutti spunti per dare realmente un significato a ciò che si andrà a fotografare, perché è solo se ogni foto racconta qualcosa che avrà un valore unico ed eterno.

Potete raccontare la vostra storia di amore in bicicletta, con un picnic, scegliendo oggetti che vi rappresentano e ai quali siete affezionati.

Sono un fotografo di matrimonio creativo e rappresento il servizio fotografico prematrimoniale in maniera diversa, unica e divertente. 

Ad ogni foto dei miei servizi cerco sempre di darle un valore aggiunto. Un’idea molto carina è quella di allestire con esse i tableau e i tavoli del vostro matrimonio (o qualsiasi altra cosa vi venga in mente).

Il motivo principale per fare un servizio fotografico prematrimoniale è quello di rompere il ghiaccio con il fotografo e la macchinetta fotografica, per non avere il primo approccio il giorno del matrimonio :-(.

Il mio blog che sempre più si sta arricchendo di idee e consigli, nasce grazie ai 20 anni trascorsi ad ascoltare le vostre idee, la sposa in particolare, che spende i 365 giorni che precedono la fantastica data a personalizzare, sognare, immaginare tutto ciò che possa rendere unico quel giorno.

Io con la mia esperienza mi rendo sempre disponibile a partecipare all’organizzazione nei dettagli dell’evento, perché è in queste occasioni nascono tanti altri spunti unici per fotografare.

I Vostri commenti sono anch’essi spunti per far nascere dialoghi preziosi, non esitare a scrivere, ti aspetto.

ps. Attenzione a non dimenticare il post- matrimonio  

date un occhiata qui http://www.maramaoo.it/